Questo articolo è stato letto da 2.893 lettori

Cous Cous Fest, vince “Angelo di Ballarò” la ricetta di Mama Africa

settembre 28, 2008 by Altre Fonti  
Filed under Eventi, blog

Cous cous fest 2008La ricetta di vitello in un letto di attieké, il cous cous ivoriano di manioca, preparata dalla chef Abibata Konaté, conosciuta come Mama Africa, è stata eletta vincitrice dell’edizione 2008, tra le otto partecipanti, dalla giuria tecnica internazionale composta da tredici esperti e giornalisti.

Alla Costa d’Avorio, già vincitrice nell’edizione 2006, è andato anche il premio del pubblico, assegnato dai dieci componenti della giuria popolare, sorteggiati tra quanti ne hanno fatto richiesta attraverso il sito della manifestazione.

Mama Africa, Mami per gli amici per la sua somiglianza alla sorridente Mami di “Via col vento”, gestisce dal 2000 una piccola osteria nel quartiere popolare di Ballarò a Palermo dove con molta generosità offre piatti caldi e pietanze a molti connazionali ed immigrati in difficoltà e nostalgici della loro cucina.

La ricetta vincitrice, preparata con spezzatino e costolette di vitello, peperoncini ivoriani, carote e zucchine in un brodo di carne, è stata premiata dalla giuria in quanto “trasmette l’immagine — come si legge nella motivazione — di un piatto autenticamente popolare con un’esecuzione tradizionale bene equilibrata sotto ogni aspetto.”

A Mami è stato assegnato il premio “Barilla miglior cous cous 2008” sul palco in una affollatissima piazza Santuario, dal presidente della provincia di Trapani, Mimmo Turano. A Fegh, chef della delegazione francese, è andato il premio speciale assegnato direttamente dal presidente di giuria, Stefano Bonilli e offerto dai Premiati Oleifici Barbera, per la coreografia del piatto di cous cous, presentato all’interno di una pagnotta di pane.

Articoli che potrebbero interessarti:

San Vito Lo Capo, Cous Cous fest 2009 e “Tempu ri capuna”
  • Iscriviti gratis

Commenti

Facci sapere la tua opinione...
se vuoi mostrare la tua foto sul commento, vai su gravatar!

*