Questo articolo è stato letto da 1.079 lettori

Vitignoitalia 2010, alla sesta edizione anche Etna Rocca d’Api

maggio 10, 2010 by Staff interno  
Filed under Eventi

Etna Rocca d’Api sarà presente alla sesta edizione di Vitignoitalia, il salone del vino da vitigno autoctono e tradizionale italiano, che si terrà presso il Castello dell’Ovo di Napoli dal 16 al 18 maggio 2010.
Quella partenopea è la kermesse enologica perfetta per l’azienda zafferanese i cui vini sono esclusivamente prodotti con vitigni autoctoni etnei, nella convinzione della famiglia Castorina che proprio in questo modo si può interpretare al meglio l’anima vinicola del vulcano.

Ecco i vini che Etna Rocca d’Api porterà in degustazione a Vitignoitalia: Le Moire rosso 2008, nerello mascalese e cappuccio, Le Moire rosato 2008, nerello mascalese e cappuccio, Le Moire bianco 2009, carricante e catarratto, Zero Uno rosso 2006, nerello mascalese e cappuccio, Zero Uno bianco 2006, carricante e catarratto, Insulae, brut, nerello mascalese in purezza. E gli speciali: Pietra Focaia, Moscato Sicilia igt 2008 dalla rara Moscatella dell’Etna e la Grappa di Nerello Mascalese.

Di particolare interesse è la Moscatella dell’Etna: diffusa a macchia d’olio nella zona, è presente in gran numero nel vigneto di Contrada Verzella a Castiglione di Sicilia. Attualmente non è chiara l’origine ampelografica della varietà. Nel tentativo di risalire alle parentele, Etna Rocca d’Api ha preso contatto con la scuola enologica di San Michele all’Adice (Tn), inviando schede e alcuni materiali di studio.

Etna Rocca d’Api nasce negli anni ’50 a Zafferana Etnea, versante Nord del vulcano, quando Salvatore Castorina cominciò a produrre poche bottiglie per la famiglia e gli amici. Con gli anni, il figlio Eugenio, insegnante di professione e vigneron per passione, lo fece conoscere tra i ristoratori di Catania e Taormina. Oggi sono i giovanissimi Salvatore e Rosaria a continuare l’opera del padre.

Negli ultimi anni, i vini Etna Rocca d’Api hanno battuto diversi record. Oggi le bottiglie prodotte sono quasi 100 mila, delle quali il 70% circa è commercializzato all’estero in Germania, Belgio, Olanda, Malta, Finlandia, Norvegia, Giappone, Australia e Stati Uniti.
In Italia, gli Etna doc della famiglia zafferanese sono distribuititi attraverso il canale Horeca, dove hanno conquistato regioni vocate alla produzione di vini d’eccellenza, come Toscana, Campania, Lazio e Puglia, e si possono trovare nei ristoranti e nelle enoteche di Liguria, Emilia Romagna e Lombardia.

Le terre nere dell’Etna, ricche di sabbia vulcanica, permeabili, minerali e nutritive interagiscono con un microclima unico, determinato dall’altitudine e dall’esposizione. Sul vulcano freddo e caldo si inseguono repentinamente con effetti benefici sui processi di fioritura, invaiatura e maturazione delle uve, regalando a ogni singolo acino zuccheri e acidi che si sprigionano nei vini in un naso intenso e una bocca fresca e armonica.

Etna Rocca d’Api conta oggi ventisei ettari di vigneti, dislocati su tre versanti del vulcano, nell’area protetta del Parco dell’Etna, tra i 500 e gli 850 mt. slm: quello storico di Zafferana Etnea in Contrada Rocca d’Api, 11 ettari a Castiglione di Sicilia, a Verzella e Passopisciaro, e 14 ettari a Biancavilla, in Contrada Padre Vitale.

info:
www.etnaroccadapi.it
www.vitignoitalia.it

  • Iscriviti gratis

Commenti

Facci sapere la tua opinione...
se vuoi mostrare la tua foto sul commento, vai su gravatar!

*