Questo articolo è stato letto da 2.765 lettori

Fuoririga Speciale Mafia, torna in edicola

marzo 5, 2009 by Staff interno  
Filed under blog

testata-fuori-riga.jpg
Da sabato 7 marzo “Fuoririga Speciale Mafia” torna in edicola con una nuova sconvolgente edizione. Ancora una volta esperti siciliani e internazionali di criminalità organizzata analizzano la mafia dell’Agrigentino. Tante storie sconosciute che tracciano nuovamente la forza delle “famiglie” mafiose e la loro prepotenza nella corsa all’arricchimento e alla gestione illecita degli appalti. Il pm della Dda Fernando Asaro, lascia tutti di stucco quando nell’intervista dichiara che il posto dei boss arrestati o uccisi è stato preso subito dai figli o dai parenti prossimi.
La potenza dei clan agrigentini viene confermata dalle intercettazioni dei boss palermitani che prima di formare la nuova Cupola mafiosa volevano sapere cosa succedeva a Ribera. E’ proprio a Ribera e Sciacca i boss tracciano la “classifica” dei politici facendo i nomi di chi è stato a loro vicino o chi è “avvicinabile”.

copertina Fuoririga Speciale MafiaIn “Fuoririga Speciale Mafia” si parla anche della “bella vita” condotta in America dai cattolicesi Rizzuto e dai siculianesi Caruana-Cuntrera: donne, hotel, feste, golf col traffico internazionale di droga e gli appalti. Intervista al magistrato di Bivona Alfonso Sabella: da esperto cacciatore di mafiosi a giudice monocratico a Roma. Storie del passato: quando don Masino Buscetta fu preso in giro dai boss dell’Agrigentino durante un processo. Si va a Porto Empedocle dove il superlatitante Gerlandino Messina è riuscito ad incontrarsi con la moglie. Sempre a Porto Empedocle il collaboratore di giustizia Luigi Putrone accusa addirittura il fratello di un triplice omicidio di Palma di Montechiaro. A Racalmuto il pentito Maurizio Di Gati descrive il racket del “pizzo” e fa i nomi.

“Paesi senza Memoria”: pochi comuni onorano chi è morto per combattere la mafia nell’Agrigentino. Il “capo dei capi” Totò Riina venne incoronato ad Agrigento. Viaggio a Favara dove i nuovi boss volevano scatenare una guerra di mafia e fanno i nomi degli obiettivi. Il ricordi di “Serpico”: il commissario agrigentino che venne ucciso a Palermo su ordine dei Corleonesi.

Il “Ragazzo dei Sogni”: la vicenda di Giuseppe Gatì di Campobello morto tragicamente dopo avere condotto una battaglia antimafia. La caccia al super latitante campobellese Giuseppe Falsone e le mille difficoltà per catturarlo. A Sciacca si torna per parlare con Nico Miraglia dell’uccisione del padre con sullo sfondo la mafia e i servizi segreti americani. Si va a Porto Empedocle dove il pentito Alfonso Falzone racconta gli omicidi commessi in tanti paesi dell’Agrigentino.

Articoli che potrebbero interessarti:

“Not Magazine”, è in edicola il primo numero. In esclusiva anche articolo e foto del concorso "...
Babbo Natale per un giorno 2009, anche ad Agrigento
Racalmuto, programma di Natale 2009

Commenti

Facci sapere la tua opinione...
se vuoi mostrare la tua foto sul commento, vai su gravatar!

*